ZAHLE, La casa della pace

Zahle è una città del Libano, chiamata anche “DAR EL SALAM” che significa “casa della pace”, si trova nella valle della Beqa’ a circa 45 km a est di Beirut. 

Essendo la città principale della valle della Beqaa, la regione agricola più importante del Libano, l’economia di Zahlé è stata a lungo basata sull’agricoltura. L’uva è il prodotto principe della zona, con i vigneti che costituiscono un elemento di spicco del paesaggio circostante. Una parte considerevole dei prodotti locali rifornisce le tre cantine presenti nella città e nei dintorni e le numerose distillerie che producono arak, il liquore locale per cui Zahlé è famoso.

Zahlé vide un momento di prospera attività commerciale grazie alla sua posizione a metà strada tra Beirut e Damasco.Paradossalmente, ha riacquistato parte di quell’attività durante la Guerra Civile, quando la crescente instabilità di Beirut ha portato a un decentramento dell’economia. Inoltre, la tassazione era inesistente a causa del crollo dell’autorità statale, di cui Zahlé ha approfittato per espandere i suoi settori industriali e commerciali. 

Un certo numero di società ed enti statali hanno le loro sedi per la regione di Beqaa a Zahlé, tra cui la Banca centrale del Libano e la Camera di commercio libanese. 

Le rive del fiume Berdawni sono state a lungo un luogo in cui la gente di Zahlé e di altre parti del Libano veniva a trascorrere il tempo. L’attrazione più popolare della città è una passeggiata di 300 m lungo il fiume, denominata “Al Wadi” (“la valle”). Riparato tra le scogliere calcaree del burrone, è allineato con ampi ristoranti all’aperto, caffè e sale giochi e ombreggiato da alberi. Questi ristoranti sono specializzati nel tradizionale meza libanese servito con arak. La passeggiata è chiusa durante il tardo autunno e l’inverno, quando i venti freddi della montagna soffiano sul burrone. Zahlé di per sé offre scarso interesse archeologico, tuttavia l’azienda vinicola Château Ksara merita una visita per il suo labirinto di volte che risale all’epoca romana. Il sobborgo di Karak Nuh presenta anche una curiosità: una struttura in pietra lunga 40 m all’interno della moschea locale, che la tradizione locale ritiene essere la tomba di Noè. La città è conosciuta come “la città del vino e della poesia”. Una graziosa personificazione di questo soprannome si trova all’ingresso del paese: una statua di Erato, la Musa della poesia d’amore, con in mano un grappolo d’uva.

L’evento culturale più importante di Zahlé è la “Festa della Vite”, che si tiene tradizionalmente ogni settembre, durante la quale vengono organizzati ogni giorno concerti, rappresentazioni teatrali, serate di poesia e mostre artistiche nell’arco di due o tre settimane. L’ultimo sabato sera prevede l’incoronazione della “L’ancella della Vite”, la regina della bellezza locale, e il pomeriggio successivo il festival si chiude con probabilmente il suo evento più popolare: una sfilata di carri che si tiene sul viale principale della città. I carri sono interamente decorati con fiori secondo un tema centrale.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *